Salute

Bambini ipercinetici, ecco come riconoscerli e cosa fare!

Essere iperattivi è clinicamente un disturbo neurobiologico che coinvolge fattori genetici e ambientali

Pubblicato il: 22 Febbraio, 2020  Visualizzazioni: 203


Bambini ipercinetici, ecco come riconoscerli e cosa fare!

Essere iperattivi è clinicamente un disturbo neurobiologico che coinvolge fattori genetici e ambientali

Spesso “bambino iperattivo” è un termine usato impropriamente per definire i bambini troppo vivaci, ma non tutti sanno che è una vera e propria malattia. L’iperattività, o ipercinesia infantile per essere tale deve assolutamente essere diagnosticata da un’equipe di esperti. Questi eseguiranno alcuni test che porteranno alla diagnosi solo se soddisferanno determinati criteri e non prima. Se sospettate che il vostro bambino possa essere “troppo vivace” dovete anche rispondere a determinate domande prima di temere. In generale si parla di ipercinetici se oltre a non riuscire mai a star fermi spesso sia con le mani che con i piedi entrano in gioco anche altri fattori.

Cosa s’intende per bambino ipercinetico?

Entrando nello specifico si tratta di bambini dal carattere difficile che spesso sono incontrollabili. In alcuni momenti non riescono a concentrarsi su quello che fanno.  Agiscono senza accorgersi di quello che fanno e questo, purtroppo causa spesso loro incidenti. Questa loro caratteristica li spinge anche a non considerare l’altro al punto da interrompere sempre i discorsi altrui, non riescono a rispettare le regole, in particolar modo quando si passa dalla scuola materna alla scuola elementare. Questo finisce per compromettere il loro rapporto con gli altri e soprattutto insorge ad un certo punto una sorta di frustrazione. Non è insolito anche che a questi problemi si aggiunga un disturbo di linguaggio nonché di apprendimento che poi sfociano anche in disturbi del comportamento negli anni successivi.

LEGGI ANCHE – Rimedi per l’isonnia del bambino

Ecco le principali caratteristiche dei bambini ipercinetici

I bambini così detti iperattivi come già detto, non riescono a stare fermi e questo disturba le attività del loro quotidiano. Sono “cuccioli” che non riescono a fare giochi tranquilli, si distraggono facilmente se viene richiesta la loro attenzione per una particolare attività, non riescono ad aspettare il loro turno e questo li rende molto insofferenti.In generale non hanno la capacità di frenare da soli questo loro stato e non si autoregolano. E’ il caso di dire impropriamente che non hanno un freno.

LEGGI ANCHE – Gli alimenti pericolosi per i bambini

Quando insorgono i primi sintomi nel bambino ipercinetico e cosa fare?

Di solito ci si accorge che qualcosa non va nel bambino prima che arrivi a compiere sette anni. Quando vi rendete conto che il suo comportamento ha alcune delle caratteristiche sopra descritte è sempre meglio “controllare” rivolgendosi al medico curante che vi indirizzerà nella giusta direzione se lo ritiene opportuno. Se la diagnosi fosse positiva verranno messe in atto una serie di interventi sia sul bambino che sui genitori per capire quale sia la direzione da seguire.

LEGGI ANCHE  – La febbre nei bambini: la causa degli sbalzi di temperatura

Torneremo presto a parlare del bambino ipercinetico e approfondiremo nel dettaglio i sintomi che insorgono.

 




CATEGORIE Salute