SALUTE E BENESSERE SALUTE BAMBINI

La mononucleosi nei bambini e ragazzi: sintomi e cura

La mononucleosi è una malattia infettiva chiamata anche malattia ghiandolare

Pubblicato il: 12 Marzo, 2015  Visualizzazioni: 5

La mononucleosi nei bambini e ragazzi: sintomi e cura

La mononucleosi è una malattia infettiva chiamata anche malattia ghiandolare

La mononucleosi è una malattia infettiva del tipo virale, proveniente da un virus denominato Epstein-Barr ovvero (EBV), questa infezione cosiddetta ghiandolare appartiene alla famiglia degli Herpes Virus. La mononucleosi nei bambini e ragazzi, è stata schersosamente definita anche ‘la malattia del bacio‘ perché si trasmette tramite la saliva, provocando un ingrossamento delle tonsille e dei linfonodi del collo.

La mononucleosi nei bambini e ragazzi: la sua diffusione e le fasce di età

Pur essendo una malattia che colpisce una fascia d’età molto giovane: dai 15 ai 24 anni, non esistono vaccini mirati per combatterla. Si tratta di una forma virale che non viene diagnosticata e il 5/10% delle persone che la contraggono a volte non hanno alcun sintomo. Molti adulti hanno potuto constatare, da esami del sangue, di aver avuto la mononucleosi, ma di non essersene neanche accorti. Il dato certo è che la mononucleosi, non colpisce quasi mai sotto i due anni di età e dopo i quaranta, ma si tratta solo di un dato statistico.

La mononucleosi nei bambini e ragazzi: i sintomi

Come accennato in precedenza, in molti casi, non sono presenti sintomi, soprattutto se si tratta di bambini piccoli, negli adolescenti invece i sintomi possono essere molto più evidenti. Quelli più comuni sono: malessere generico, stanchezza, svogliatezza, mal di pancia, mal di gola, febbricola, mal di testa e alcune volte ma molto di rado, brividi e sudorazione. I sintomi più tipici di questa malattia sono: ingrossamento delle tonsille (ghiandole), chiazze di colore rosso sul palato, infiammazione della gola ed evidente difficoltà di deglutizione.

La mononucleosi nei bambini e ragazzi: la cura

Non esistono particolari cure farmacologiche per combattere la mononucleosi, la cosa importante è l’assoluto riposo a letto, alimentazione regolare e magari l’assunzione di qualche integratore multivitaminico. Si tratta di una malattia debilitante, quindi il soggetto colpito dal virus, è più vulnerabile nei confronti di altre probabili infezioni. Si consiglia di personalizzare piatti e posate, ma anche asciugamano e tovaglioli, in modo tale che non vengano contagiati gli altri componenti della famiglia.


Seguici su Instagram !