SALUTE E BENESSERE

Allergie primaverili: rimedi a starnuti e naso che cola

La primavera, starnuti e naso che cola dietro l'angolo, ecco alcuni rimedi

Pubblicato il: 03 Marzo, 2015  Visualizzazioni: 3

Allergie primaverili: rimedi a starnuti e naso che cola

La primavera, starnuti e naso che cola dietro l'angolo, ecco alcuni rimedi

Anche quest’anno l’inverno sta volgendo a termine, per lasciare spazio alla primavera, in cui tutto si risveglia e tutto è più fiorito, ma per i milioni di persone che soffrono di allergie primaverili significa anche starnuti, congestione, naso che cola e altri problemi e sintomi. In primavera il colpevole principale è il vento carico del polline dagli alberi. Quattro italiani su dieci soffrono di allergie primaverili.

Allergie primaverili: alcuni consigli

La causa scatenante delle allergie in primavera, sono la comparsa dei primi pollini, infatti la fioritura delle piante rende la primavera la stagione dei raffreddori: gli starnuti e naso che cola colpiscano l’80% degli italiani. Nello specifico vorremmo proporre il calendario dei pollini e alcuni consigli per tenere sotto controllo, i primi sintomi di allergie primaverili.

Allegie primaverili: il calendario dei pollini

Per poter porre rimedio ai primi sintomi di allergie primaverili, come starnuti e naso chiuso, occorre tenere ben chiaro il calendario dei pollini, precisando che i principali allergeni che si presentano nel periodo primaverile sono i pollini della Graminacee, della Parietaria, le Composite, le Betullacee, le Oleacee e le Cupressacee.

Il calendario dei pollini:

  • graminacee: da aprile a giugno
  • parietaria: da marzo ad ottobre
  • composite o Astreracee: da luglio a settembre
  • betullacee: da gennaio a maggio
  • oliacee: da maggio a giugno
  • cupressacee (cipresso):  da febbraio a fine marzo con possibili anticipi a gennaio o continuazioni fino ad aprile

Allergie primaverili: alcuni rimedi a starnuti e naso chiuso

Nello specifico vorremo darvi alcuni consigli, per porre rimedio agli starnuti e naso che cola:

  • evitare di uscire durante le giornate secche e ventose,
  • evitare l’aerazione degli ambienti durante le ore più calde della giornata
  • fare la doccia e lavare i capelli quotidianamente. I granuli pollinici spesso rimangono intrappolati tra i capelli e la notte possono depositarsi sul cuscino, venendo così inalati;
  • evitare  di uscire subito dopo un temporale: l’acqua rompe i granuli pollinici in frammenti più piccoli che raggiungono facilmente le vie aeree e in maggiore profondità;
  • tenere sempre sott’occhio il calendario dei pollini;
  • usare appropriate mascherine durante i lavori all’ aperto.

 

 


Seguici su Instagram !

CATEGORIE SALUTE E BENESSERE