MAMMA

Figli e genitori: trenta minuti per capire

Un rapporto che richiede tempo da investire ma molto meno di quello impegnato nelle corse quotidiane.

Pubblicato il: 04 Marzo, 2015  Visualizzazioni: 5

Figli e genitori: trenta minuti per capire

Un rapporto che richiede tempo da investire ma molto meno di quello impegnato nelle corse quotidiane.

Figli e genitori oberati in un’altalena di impegni, spesso incrociati o alterni, dalla scuola corrono in parrocchia, poi ai corsi di lingue, palestra, piscina, corsi di fai da te, laboratori creativi e se c’è altro di nuovo si ricomincia a riorganizzare la settimana per non rinunciare a nulla! In tutto questo ci chiediamo, quali di tutte queste attività sia davvero quella che viene eseguita con maggiore piacere o quella più utile, ma nel frattempo, per non sbagliare, corriamo su e giù per accompagnarli all’altro capo della città per l’ennesimo corso di nonsoche.

Figli e genitori, fermarsi a parlare

La verità è che il tempo per le maratone di orari da rispettare, fronteggiando traffico, impegni lavorativi e organizzazioni familiari, figli e genitori riescono per miracolo a trovarlo, mentre quei magici trenta minuti per fermarci tranquilli a parlare con loro, con i nostri ragazzi, sono un tempo non compreso nelle 24h. E invece è esattamente ciò che dovremmo fare: fermarci trenta minuti con loro a parlare di ciò che amano di più fare, trenta minuti per capire le loro esigenze, i loro desideri. Scopriremo che il corso di nonsoche non rientra nei loro interessi e che il laboratorio creativo lo frequentano solo per inerzia, e che sebbene in palestra si incontrano con i loro amici, in fondo non gli piace granchè sudare tanto.

Figli e genitori, un appuntamento da non mancare

Trenta minuti per sapere che le corse di figli e genitori insieme  potrebbero essere inutili e che anziché essere accompagnati all’altro capo della città per il corso di lingua, preferirebbero studiare a casa la lingua che studiano a scuola e che il corso di musica sotto casa li attira molto di più. Trenta minuti per organizzare almeno una volta al mese un’uscita insieme, figli e genitori, per un gelato o un the al centro, come amici che si raccontano. Ascoltare molto spesso è già indirizzare i propri figli verso le proprie scelte .

Figli e genitori, fermarsi in due

Trenta minuti per accorgerci che, come loro, anche noi abbiamo bisogno di fermarci e farlo con i nostri figli, qualunque età abbiano, è insegnare loro a prendersi la loro boccata di ossigeno per ricominciare con una grinta diversa, consapevoli delle loro attività e delle loro scelte. E’ questa consapevolezza che li rende responsabili in qualunque cosa si accingono a fare, che sia un’attività sportiva o l’apprendimento di una nuova disciplina. E quando avremo insegnato loro questo saremo anche noi più tranquilli. Non bisognerebbe mai dimenticare che figli e genitori crescono insieme!


Seguici su Instagram !

CATEGORIE MAMMA