Mamma 

Ecocardiografia fetale: cos’è e quando farla

Ecocardiografia fetale, analisi del cuore del feto, ecco quando va fatta



Pubblicato il: 23 Febbraio, 2020  77


Ecocardiografia fetale: cos’è e quando farla

Ecocardiografia fetale, analisi del cuore del feto, ecco quando va fatta

L’ecocardiografia fetale è un esame che permette la valutazione del cuore del feto attraverso la pancia materna, attraverso l’utilizzo di onde sonore con una tecnica analoga a quella di una normale ecografia, può essere effettuata a partire dalla 16 settimana.

Ecocardiografia fetale: esami il cuore del feto.

L’ecografia fetale è un’ esame specifico e accurato che analizza l’anatomia del cuore del feto, essa viene effettuata sul richiesta del ginecologo, nei casi in cui vi sono situazioni specifiche e dove esiste un rischio di malformazioni o patologie del cuore per ereditarietà, infezioni gravidiche o patologie materne.

Ecocardiografia fetale: come si esegue

Piacciamoci su Facebook   Seguici

Cinguettiamo su Twitter   Seguici
   Siamo anche su Instagram   Seguici

I nostri video su YouTube   Seguici

L’esame richiede un tempo abbastanza lungo, circa 30/45 minuti, in quanto il cuore è un organo complesso. Questa speciale ecografia è di solito effettuata da un cardiologo pediatra o di un ostetrico specializzato in questo tipo di diagnosi che lavora in collaborazione con un cardiologo pediatra. Essa si esegua come una normalissima ecografia, senza nessun pericolo ne per la mamma ne per il feto. Ci sono due valutazioni: una primaria, che ne studia l’anatomia e una secondaria che ne studia la funzionalità e si esegue con l’ausilio del Doppler, colore e pulsato, per studiare i flussi sanguigni.

Ecocardiografia fetale: quando va effettuata

L’ecocardiografia fetale, va effettuata su richiesta del ginecologo se a seguito delle informazioni materne o in base agli esiti della diagnosi prenatale e/o dell’ecografia morfologica, si presentano le seguenti cause.

Cause materne: se la mamma ha contratto dei virus quali Citomegalovirus, Coxscakie o Rosolia, se è affetta da diabete di tipo 1 ed è insulino-dipendente, se sono presenti altre malattie materne se in famiglia ci sono casi di cardiopatie o malformazioni cardiache;

Cause fetali: se durante l’ecografia morfologica è emerso il sospetto di una cardiopatia congenita, se dall’amniocentesi è risultata un’alterazione cromosomica, se la traslucenza nucale era aumentata ovvero superiore al 99° centile, se la crescita del feto è rallentata, se si è registrata un’aritmia fetale (alterazione del battito cardiaco).