Mamma 

5 tecniche di sopravvivenza per aiutare i bambini a dormire

Stressati dalle notti insonni? Ecco come porre rimedio all'insonnia dei vostri figli

 #consigli bambini   #consigli mamme   #disturbi del sonno 

Pubblicato il: 29 Ottobre, 2020  54


5 tecniche di sopravvivenza per aiutare i bambini a dormire

Stressati dalle notti insonni? Ecco come porre rimedio all'insonnia dei vostri figli

Se il vostro bambino non riesce a dormire bene non temete, abbiamo 5 trucchi per aiutarvi. Il sonno è la base per lo sviluppo neuro-psicologico dei bambini e riuscire a regolarizzarlo aiuterà anche voi mamme a riposarvi meglio e stare più rilassate. Seguite questi 5 trucchi che abbiamo pensato per voi.

1) Dreamfeeding

Questa tecnica è utilizzata per minimizzare gli incubi del bambino e i disturbi causati dalla fame. Consiste nel prendere delicatamente il bambino in braccio ed allattarlo mentre è addormentato, in tal modo il sonno non viene interrotto ma favorisce un rilassamento e quindi un sonno più profondo. Si consiglia di farlo tra le 10 e le 11 di sera.

2) Il rumore bianco

Si tratta dei rumori di phon, aspirapolvere, ventilatore, che anche se può sembrare strano, ma riescono a far addormentare i neonati. La cosa importante è non esagerare col rumore, quindi mantenerlo alla prima potenza, e non usarlo per tempi troppo lunghi.

3) Fasciare i neonati

Questo è un metodo che ci viene tramandato dalle usanze antiche. Il neonato è soggetto fino ai 5 mesi al riflesso di Moro, cioè hanno l’ impressione di cadere. Questa sensazione li fa svegliare spesso perché provoca dei movimenti improvvisi e a scatto. Fasciarli è utile a farli sentire più protetti e tranquilli perché riduce questi movimenti a scatto.

4) Piccoli sonnellino diurni

Quando un bambino dorme troppe ore durante il giorno, ruba queste ore di sonno alla notte, dove il riposo è più pieno. Quindi durante il giorno bisogna far dormire il neonato con molti sonnellini ma brevi, di massimo due ore. Quindi se dorme da più tempo è meglio cercare di svegliarlo, anche se ci dispiace.

5) Seguire la routine

I bambini vivono di routine, infatti seguono questo ritmo: si svegliano, mangiano, rimangono svegli per un po’ a giocare e di nuovo si riaddormentano. Creare una routine pre-nanna li aiuterà a capire che quello è il momento in cui bisogna dormire. Ad esempio prima di metterlo a letto cantate sempre una ninna nanna, o accendete il rumore bianco, o chiudete tutte le tende!

Questi i nostri consigli, provateli e fateci sapere se vi sono stati utili e, un ultimo consiglio: “abbiate pazienza, dopotutto sono solo dei bambini!”.