GRAVIDANZA ALIMENTAZIONE

Alimentazione in gravidanza: cosa mangiare e cosa evitare

L'alimentazione in gravidanza è un fattore molto importante da seguire scrupolosamente

Pubblicato il: 27 Febbraio, 2015  Visualizzazioni: 5

Alimentazione in gravidanza: cosa mangiare e cosa evitare

L'alimentazione in gravidanza è un fattore molto importante da seguire scrupolosamente

Molto spesso succede che una donna abbia forti dubbi su come comportarsi con l’alimentazione in gravidanza. Un giusto apporto calorico e una dieta equilibrata, sono fattori indispensabili per trascorrere nel miglio modo possibile i nove mesi di gestazione. Vediamo nel dettaglio quali sono gli alimenti da assumere e quelli da evitare.

Alimentazione in gravidanza: i cibi consigliati

Il primo alimento da assumere in gravidanza è l’acqua che andrebbe consumata in grande quantità. Una donna in stato interessante, dovrebbe bere fino a due litri d’acqua al giorno. Se beve acqua del rubinetto deve necessariamente essere filtrata, se invece beve acqua oligominerale deve preferire quella a media mineralizzazione quindi più calcica e con una soddisfacente quantità di magnesio. In alternativa evitare bevande gassate e preferire spemute e succhi di frutta. Preferire gli alimenti sempre freschi e non congelati come ad esempio carne bianca e rossa, ma magra e tenera, pesce di piccola taglia come orata, spigola, merluzzo e salmone, la verdura di stagione, possibilmente ecologica e tanta frutta da consumare nell’arco della giornata. Si possono mangiare i molluschi, ma solo ben cotti per eliminare qualsiasi tipo di infezione.

Alimentazione in gravidanza: i cibi da evitare

In primo luogo evitare il consumo eccessivo di pasta e pane per non assumere troppi carboidrati, evitare alimenti crudi (carne e pesci crudi), limitare l’assunzione di insaccati (prediligere solo prosciutto cotto), non mangiare formaggi grassi e alimenti piccanti. Infine evitare categoricamente i pesci affumicati e verdura/frutta fuori stagione.

Alimentazione in gravidanza: quando mangiare

Si consiglia di consumare pasti regolari, rispettando gli orari e dividere più pasti brevi nell’arco della giornata: colazione latte e biscotti, una merenda verso la tarda mattinata, il pranzo intorno alle 13.00, uno spuntino pomeridiano intorno alle 17.00 ed infine una cena leggera alle 21.00. L’ultimo consiglio è quello di non andare a letto troppo presto per facilitare la digestione, che nel periodo di gestazione risulta più complicata.


Seguici su Instagram !