BELLEZZA

Pelle grassa: come riconoscerla e rimedi

Pelle grassa ecco come riconoscerla e evitare la sua formazione

Pubblicato il: 04 Marzo, 2015  Visualizzazioni: 2

Pelle grassa: come riconoscerla e rimedi

Pelle grassa ecco come riconoscerla e evitare la sua formazione

La pelle riveste tutto il nostro organismo ed è costituita da quattro strati. essa ha come principale funzione la protezione del nostro corpo. La pelle è formata dal 5% di acqua e dal 95% di sebo che può essere definito come il cosmetico naturale della nostra cute. La pelle grassa è caratterizzata da una eccessiva oleosità e dalla presenza di comedoni o punti neri, concentrati soprattutto nella zona T del viso: fronte, naso e mento. Al tatto, la pelle grassa appare oleosa e ruvida.

Pelle grassa: come riconoscerla

Come fare per riconoscere una pelle del viso grassa? Un semplice test per smascherare una pelle troppo grassa consiste nel premere, per qualche secondo, una velina da trucco pulita od un tessuto (seta o cotone) sul viso, area in cui le ghiandole sebacee si fanno più numerose. Se dopo averlo tolto dalla cute, il materiale presenta delle tracce umidicce ed untuose si può effettivamente parlare di pelle grassa.

Pelle grassa: quali sono le cause

La pelle produce abitualmente una pellicola impermeabile per difendersi: il sebo, che fuoriesce dai follicoli piliferi, forma sulla cute una pellicola protettiva che limita i danni dovuti agli agenti esterni (polvere, inquinanti, vento, raggi solari, ecc).Ecco alcune cause della pelle grassa:

  • eccessiva produzione di sebo
  • squilibri ormonali (es donne in gravidanza)
  • ereditarietà

Quando il sebo diventa troppo spesso e ceroso, ostacola la traspirazione cutanea e occlude i follicoli piliferi, creando un ambiente favorevole allo sviluppo di microrganismi.

Pelle grassa: ecco alcuni rimedi

La pelle grassa va trattata con detergenti delicati, che assicurano una pulizia accurata per evitare l’occlusione dei follicoli e la formazione di comedoni o punti neri. Anche se va evitata una detersione eccessiva o a base di detergenti aggressivi, che stimola le cellule della pelle a una produzione di sebo ancora superiore. Una volta alla settimana, dopo la detersione è bene far dilatare i pori con l’uso di acqua calda o di un bagno di vapore per procedere quindi all’applicazione di un esfoliante delicato.


Seguici su Instagram !

CATEGORIE BELLEZZA