venerdì , 24 novembre 2017
Parto in acqua: l’acqua riduce il dolore
Parto in acqua

Parto in acqua: l’acqua riduce il dolore

Parto in acqua: quali sono i vantaggi

Il momento della nascita è la fine di un’esperienza e l’inizio di un’altra. È un passaggio dall’essere solo donna o solo uomo al diventare madre o padre, dall’essere feto al divenire figlio. Travaglio e parto costituiscono una grande prova fisica: la donna si misura con il proprio corpo, ma anche con la mente, con le proprie paure, con il dolore e la capacità di sopportarlo. Nascere è un evento naturale, ma diventa più naturale se il bimbo può passare dal liquido amniotico all’acqua.

Parto in acqua: riduce il dolore in modo naturale

Hai paura dei dolori del parto ma non vuoi fare l’epidurale? Forse il parto in acqua è quello che fa per te, esso allevia i dolori del parto in modo “naturale”, semplicemente con l’acqua. Studi internazionali concordano: l’acqua esercita un effetto rilassante sul corpo della donna e aiuta a distrarre la mente dal dolore.

Parto in acqua: quali sono i vantaggi per la partoriente

Le donne che hanno affrontato un parto in acqua, affermano di aver avuto numerosi vantaggi come in primo luogo:

  • diminuzione del dolore, riducendo la prima fase del travaglio;
  • riduzione dei tempi per la dilatazione;
  • diminuzione del rischio di lacerazione al momento del parto, in quanto l’acqua aiuta la distensione dei tessuti;
  • riduzione dell’uso dei farmaci; con conseguente calo dei parti operativi.

Parto in acqua: come va effettuato

Per poter effettuare il parto in acqua, occorrono vasche apposite con delle specifiche costruttive e tecniche precise. La vasca deve essere abbastanza grande per consentire alla donna di muoversi e di assumere le posizioni che preferisce. Inoltre, l’acqua deve avere una profondità tale da permettere una spinta verso l’alto abbastanza elevata. L’acqua dev’essere abbastanza calda e la temperatura deve rimanere costante per tutta la durata del travaglio e del parto.

 

 

 

Inserisci un commento

© 2015 donna-e-mamma.it - Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da profili Facebook pubblici o siti/blog che possono essere quindi ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale avessero qualcosa in contrario, basta segnalarcelo inviandoci una email all'indirizzo giornalismopartecipativo[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione. Il blog rispetta le norme vigenti in materia di privacy. E' assolutamente vietato utilizzare il nostro materiale (testi, video e immagini) senza la nostra esplicita autorizzazione; in presenza di quest'ultima è possibile riprodurre in parte i contenuti del nostro blog ponendo all'inizio del post il link cliccabile alla risorsa copiata. La violazione di questa condizione potrebbe autorizzarci ad adire le vie legali. Tutti gli utenti registrati e i visitatori accettano le condizioni di utilizzo del sito donna-e-mamma.it